Bollino verde per molti cittadini di Bollate. Sono gli adesivi che indicano il mancato rispetto delle regole della raccolta degli scarti vegetali che gli operatori di Gaia hanno appiccicato su sacchi e fascine esposti fuori dalle abitazioni in occasione del riavvio del servizio di raccolta degli scarti vegetali.

Sono state xx in tutto le non conformità che hanno costretto gli operatori ad attaccare il bollino e a non ritirare il materiale. A questo scopo ricordiamo nuovamente le regole di un servizio che, diversamente da quanto avviene negli altri comuhni, continua ad essere gratuito e a non comportare alcun costo per i cittadini.

Le regole della raccolta del “verde”

La raccolta degli scarti vegetali a domicilio è un servizio stagionale che inizia a marzo e termina il 30 novembre.
Anche durante i mesi di servizio attivo, i cittadini possono comunque portare gli scarti direttamente alla Piattaforma ecologica di Via Pace.
Il servizio è svolto il lunedì nella zona A e il mercoledì nella zona B della città.
Gli scarti vegetali devono essere esposti negli appositi contenitori rigidi riutilizzabili da 50 litri, in vendita anche in Piattaforma (6 euro l’uno). Possono essere esposti fino a un massimo di
5 pezzi. In alternativa, si possono esporre fascine legate, sempre per un massimo di 5 pezzi a volta Gli scarti vegetali devono essere esposti vicino al proprio numero civico, su suolo pubblico.
Vanno esposti la sera prima del giorno di raccolta.
Per l’esposizione non si possono utilizzare sacchi di plastica, scatole di cartone o contenitori di dimensioni superiori ai 50 litri.
Terra e sassi non possono essere esposti per la raccolta.